I nostri Servizi


 

Consulenza CasaClima


Oggigiorno esistono diverse tipologie di certificazione energetica; l’APE (Attestato di Prestazione energetica), obbligatoria per legge su territorio nazionale, escluse le province a statuto autonomo, è disciplinata dai decreti legislativi 63/2013, 311/06 e 192/05. Ci sono poi delle certificazioni energetiche di qualità che sono volontarie su territorio nazionale, tra le quali la Certificazione CasaClima.

La certificazione CasaClima garantisce un controllo serrato del progetto e dei documenti in fase progettuale, di cantiere e conclusiva. Tale certificazione, modellate sulle vigenti normative nazionali, punta ad un edificio ancora più prestazionale dal punto di vista energetico. Le verifiche di cantiere avvengono attraverso sopralluoghi da parte di Auditori riconosciuti dall’Agenzia CasaClima e richiedono costante resoconto fotografico e documentale di ogni fase di lavorazione. Per ottenere la certificazione finale, la costruzione, a cantiere terminato, deve essere sottoposta al Blower Door Test, metodo per la verifica e la quantificazione della tenuta all’aria (ed al vento) degli edifici e viene eseguito a “regola d’arte” seguendo le indicazioni riportate nella norma UNI EN ISO 9972 .

Tutto ciò non è richiesto per l’ottenimento della certificazione nazionale APE.

In entrambe le certificazioni, si effettua un’analisi energetica dell'immobile, valutando le caratteristiche dell’INVOLUCRO EDILIZIO e degli IMPIANTI.

La certificazione CasaClima analizza la posizione geografica e i dati ambientali; dell’involucro edilizio le stratigrafie murarie, le superfici disperdenti, i serramenti; degli impianti i consumi, la produzione di acqua calda, il raffrescamento ed il riscaldamento degli ambienti, il tipo di impianto, eventuali sistemi di produzione di energia rinnovabile; le sistemazioni esterne e l’eco-compatibilità delle scelte progettuali. La classe energetica finale complessiva dell’immobile è la peggiore tra quella attribuita all’involucro e quella attribuita agli impianti.

Il fine ultimo della progettazione secondo i dettami CasaClima è di garantire il più elevato livello di comfort abitativo.

 

APE


1) NON richiede controlli e verifiche in fase di cantiere.

2) NON risolve i ponti termici, li calcola solamente.

3) Il CERTIFICATORE viene incaricato dalla committenza  

4) La CLASSE ENERGETICA dell’edificio è determinata sulla base dell’indice di PRESTAZIONE ENERGETICA GLOBALE non rinnovabile dell’edificio 

 

CERTIFICAZIONE CASACLIMA


1) IMPONE controlli e verifiche intermedie

2) CORREGGE tutti i ponti termici

3) CasaClima è un'agenzia a controllo pubblico che verifica direttamente la documentazione ed incarica un auditore per i sopralluoghi, garantisce il rispetto dei principi di efficienza energetica, come ENTE TERZO CERTIFICATORE.

4) La CLASSE ENERGETICA dell’edificio è la PEGGIORE TRA QUELLA ATTRIBUITA ALL’INVOLUCRO E QUELLA ATTRIBUITA AGLI IMPIANTI.

 

Come professionisti, siamo in grado di redigere per ogni tipo di immobile (edifici residenziali, commerciali e direzionali, hotel, cantine vinicole) sia l’Attestato di Prestazione Eneregtica (APE), sia la Certificazione Energetica CasaClima.

 

Certificazioni energetiche


Ogni edificio deve prevedere una progettazione di base compartecipata tra progettisti, impiantisti, fornitori ed esecutori di cantiere.
Le scelte di strutture e materiali devono essere compatibili e sostenibili e devono essere realizzate a regola d’arte.
Di ogni materiale e delle finiture vengono considerati le caratteristiche fisiche, tecniche ed energetiche (Conducibilità termica, traspirabilità, resistenza al fuoco…). La valutazione delle specifiche prestazioni e caratteristiche dei materiali e la corretta realizzazione durante le fasi di cantiere, sono fondamentali per ottenere un realistico risparmio energetico, con una reale riduzione dei consumi e delle emissioni di CO2 dell’edificio, con un conseguente miglioramento dell’impatto ambientale.

 

 

Bioedilizia & Nature


Per ogni edificio si può valutare la sostenibilità, ovvero l’impatto che hanno le scelte dei materiali sulla base del loro processo produttivo, caratteristiche specifiche e distribuzione; oltre a questo si valutano la gestione delle acque e ciò che influisce sul comfort abitativo.
Tale valutazione si articola nella verifica quantitativa di impatto ambientale dei materiali, impatto idrico dell´edificio, qualità dell’aria interna, protezione dal gas radon, illuminazione naturale e comfort acustico

 

 

Progettazione


Le fasi di progettazione e di esecuzione lavori devono essere coordinate da professionisti competenti, in grado di gestire le dinamiche di cantiere e risolvere a priori tutte le possibili problematiche compositive e costruttive. Il Consulente CasaClima è prima di tutto un progettista, Ingegnere o Architetto nel nostro caso, con una specifica competenza volta ad ottimizzare il risparmio energetico e il comfort abitativo. Una corretta progettazione si esegue attraverso una meticolosa cura dei dettagli, la correzione dei ponti termici e la valutazione di tutte le interazioni tra i diversi materiali presenti. A secondo della location, del layout, della tipologia di intervento, della destinazione d’uso e del budget di spesa, bisogna adottare delle soluzioni specifiche per ogni singolo progetto; non esistono quindi casi o modelli standard, ripetibili su larga scala a macchia d’olio.

L’approccio progettuale compartecipato tra committente e professionista prende spunto da semplici domande:

-Quanto consuma un edificio a “basso consumo energetico”?
-Un immobile quanta energia disperde e quanta ne utilizza, in rapporto alle proprie dotazioni tecnico-costruttive?
-Efficienza e Risparmio energetico sono la stessa cosa?
-Come vengono dimensionati gli impianti di riscaldamento e raffrescamento? Servono sempre?
-Un immobile globalmente efficiente, è definibile a “basso consumo energetico”?
-Che caratteristiche ha un edificio certificato CasaClima?

 

-La geolocalizzazione e i dati climatici che influenza hanno sulle scelte progettuali?
-Esistono dei modelli costruttivi standard?
-L’edificio a basso consumo costa più di un edificio meno prestazionale?
-La casa a basso consumo è per forza la casa costruita con materiali naturali?
-La scelta del serramento influisce sul rendimento energetico?
-L’impermeabilizzazione equivale all’isolamento?
-Come risolvo l’isolamento termico e acustico?
-Come posso garantire il comfort abitativo?
-Cos’è un ponte termico? E un ponte acustico?
-L’umidità relativa come influisce sulle strutture?
-Come, dove e quando si formano la condensa e la muffa?
-Cosa si intende per tenuta all’aria e al vento?
-Il cappotto va realizzato internamente o esternamente?
-Mi conviene adottare un sistema di ventilazione meccanica controllata (VMC)?
-Che impianto scegliere per riscaldamento e raffrescamento?
-I pannelli fotovoltaici e solari sono sempre necessari ed efficienti?
-Gli utenti finali e la destinazione d’uso, influiscono sul comportamento di un edificio?
-In una casa moderna serve la manutenzione ordinaria?

 

Ristrutturazione e restauro


Gli edifici manifestano esteticamente i segni del tempo in modo evidente, però possono nascondere anche molti problemi non visibili all’interno, negli elementi costruttivi ed impiantistici.

Per risolvere una situazione di evidente deperimento dell’edificio è indispensabile provvedere a realizzare una ristrutturazione o un restauro conservativo efficace: questi lavori hanno il compito di consolidare l'immobile, assicurando la conformità ai più alti parametri di sicurezza, funzionalità e risparmio energetico.

La ristrutturazione o l’intervento di restauro avviene tenendo ovviamente in considerazione le caratteristiche peculiari dell’edificio e l’eredità storica.

Interessati da questi interventi sono edifici completi o parti di essi, con problematiche esecutive diverse che vengono sapientemente affrontate per restituire un prodotto finale completo e rispondente ai bisogni ed alle caratteristiche richieste dal progetto.

Per il cantiere di una ristrutturazione o di un restauro bisogna programmare:
- Preparazione dell'area da ristrutturare.
- Installazione di ponteggi mobili e strutture protettive, qualora necessari.
- Attività di messa a norma e consolidamento dell'immobile.
- Opere per il miglioramento del rendimento energetico dell’edificio (cappotti esterni ed interni; rifacimento ed isolamento della copertura esistente; sostituzione dei serramenti; etc…), sfruttando al meglio i vantaggi offerti dalle attuali detrazioni fiscali per ristrutturazione e risparmio energetico. CasaClima prevede una specifica certificazione per gli edifici esistenti sottoposti ad opere di ristrutturazione (CasaClima R).
- Messa a norma o rifacimento completo di impianti elettrici e termo-idraulici.
- Opere di pittura e cartongessi sia esterni che interni.
- Opere di lattoneria in genere.
- Risoluzione di problematiche legate a infiltrazioni d’acqua, condensa interstiziale e formazione di muffe.
- Modifiche architettoniche sia interne che esterne.
 
 

 

Consulenza immobiliare


Ogni operazione di gestione, acquisizione e vendita di un immobile, o di un terreno, ha quale punto cardine la corretta conoscenza di tutte le caratteristiche del bene stesso e del luogo, siano esse di natura fisica o normo-legislativa.
Come professionisti e progettisti, siamo in grado di garantire tutta l'assistenza tecnica e burocratica necessaria alla gestione di affitti e alla compravendita di immobili e terreni; rispondendo in maniera critica e competente ad ogni esigenza del cliente, dopo un’attenta analisi della richiesta.
 
I servizi relativi alla consulenza immobiliare sono:
- assistenza tecnica e consulenza sui cantieri
- verifica e contabilizzazione dei lavori
- stesura computi metrici e preventivi
- stesura capitolati
- stesura e registrazione contratti di locazione
- stesura e registrazione scritture tra privati
- assistenza ad amministratori condominiali (stesura tabelle millesimali, ecc.)
- assistenza per pratiche burocratiche e amministrative di vario genere ( pratiche catastali, attestazione energetica, … )
 
 

 

Interior design & arredo urbano


Un’immobile, qualunque sia la destinazione d’uso, deve garantire comfort abitativo, fruibilità e rispecchiare i gusti e le esigenze funzionali ed estetiche dell’utente finale.
 
La scelta delle finiture, la cura dei dettagli, i giusti accostamenti dei diversi materiali a livello plastico e cromatico, la definizione dei complementi d’arredo, sono elementi basilari della progettazione degli spazi interni e degli interventi di home relooking
 
Le aree verdi e gli spazi aperti, pubblici o privati, non devono essere concepiti come dei vuoti urbani, ma bensì con una propria definita destinazione d’uso e come tali devono avere delle peculiarità che li rendano unici. La scelta dei materiali, delle essenze arboree, degli arredi da esterno e la loro giusta collocazione spaziale, sono fattori determinanti per garantire il sicuro utilizzo degli spazi esterni e una valida resa estetica.
 
 
 

 

Sgravi fiscali e Bonus


Negli ultimi anni l’andamento del mercato immobiliare è stato molto altalenante, tuttavia la costruzione e la ristrutturazione di edifici energeticamente efficienti ha mantenuto un trend positivo, risentendo meno della crisi dell’edilizia. Ciò nonostante, l’attenzione delle pubbliche amministrazioni e dei Governi, è volta a fornire normative sempre aggiornate in tematica del risparmio economico e della riqualificazione energetica.

In Italia, su modello delle direttive europee, sono stati adottati nel tempo numerosi strumenti fondamentali e,  come professionisti, progettisti e Consulenti CasaClima, siamo preparati per consigliare i nostri clienti in modo che possano accedere alle agevolazioni di Ecobonus, Bonus Ristrutturazioni, Bonus Mobili…e detrazioni fiscali su tutto ciò che ruota intorno al concetto di “abitazione” e “abitare”.
 
 

 

Direzione lavori, coordinamento alla sicurezza & responsable antincendio


Il direttore dei lavori è una figura professionale fondamentale, il professionista che deve coordinare le esigenze dei committenti con le soluzioni dei progettisti, pianificando in armonia con il coordinatore alla sicurezza, la corretta gestione della sicurezza sul lavoro e della regolarità dei cantieri temporanei e mobili e delle figure professionali che vi operano; si occupano quindi dei cantieri edili e dei “lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, risanamento, ristrutturazione o equipaggiamento, la trasformazione, il rinnovamento o lo smantellamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura, in cemento armato, in metallo, in legno o in altri materiali”.
 
Secondo quanto scritto nell’art.148 del D.P.R. n°207/2010, “il direttore dei lavori cura che i lavori cui è preposto siano eseguiti a regola d’arte ed in conformità del progetto e del contratto, ha la responsabilità del coordinamento e della supervisione dell'attività di tutto l'ufficio di direzione dei lavori ed interloquisce in via esclusiva con l’esecutore in merito agli aspetti tecnici ed economici del contratto. Il direttore dei lavori ha la specifica responsabilità dell’accettazione dei materiali, sulla base anche del controllo quantitativo e qualitativo degli accertamenti ufficiali delle caratteristiche meccaniche di questi. 
Al direttore dei lavori fanno carico tutte le attività ed i compiti allo stesso espressamente demandati dal codice o dal presente regolamento nonché: a) verificare periodicamente il possesso e la regolarità da parte dell'esecutore e del subappaltatore della documentazione prevista dalle leggi vigenti in materia di obblighi nei confronti dei dipendenti; b) curare la costante verifica di validità del programma di manutenzione, dei manuali d'uso e dei manuali di manutenzione, modificandone e aggiornandone i contenuti a lavori ultimati; c) provvedere alla segnalazione al responsabile del procedimento, dell’inosservanza, da parte dell’esecutore, della disposizione di cui all’articolo 118, comma 4, del codice.”
 
Secondo quanto scritto nell’art.151 del D.P.R. n°207/2010, “le funzioni del coordinatore per l’esecuzione dei lavori previsti dalla vigente normativa sulla sicurezza nei cantieri possono essere svolte dal direttore lavori, qualora sia provvisto dei requisiti previsti dalla normativa stessa. Nell’eventualità che il direttore dei lavori non svolga le funzioni di coordinatore per l’esecuzione dei lavori, le stazioni appaltanti prevedono la presenza di almeno un direttore operativo, in possesso dei requisiti previsti dalla normativa, che svolga le funzioni di coordinatore per l’esecuzione dei lavori. Per le funzioni del coordinatore per l’esecuzione dei lavori si applica l’articolo 92, comma 1, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81; il coordinatore per l’esecuzione dei lavori assicura altresì il rispetto delle disposizioni di cui all’articolo 131, comma 2, del codice. 3. I provvedimenti di cui all’articolo 92, comma 1, lettera e), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, sono comunicati all’Autorità da parte del responsabile del procedimento.”
 

 

CASACLIMA: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DI QUALITA’